Salmi

Capitolo 74 ( 73 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Lamento dopo il saccheggio del tempio

1 Maskil. Di Asaf.
O Dio, perché ci respingi per sempre,
perché divampa la tua ira contro il gregge del tuo pascolo?
2 Ricordati del popolo
che ti sei acquistato nei tempi antichi.
Hai riscattato la tribù che è tuo possesso,
il monte Sion, dove hai preso dimora.
Dt 7,6+
Es 15,17
Ger 10,16
Is 63,17
Is 51,19
3 Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne:
il nemico ha devastato tutto nel tuo santuario.
4 Ruggiscono i tuoi avversari nel tuo tempio,
issarono i loro vessilli come insegna.
5 Come chi vibra in alto la scure
nel folto di una selva,
6 con l'ascia e con la scure
frantumavano le sue porte.
7 Hanno dato alle fiamme il tuo santuario,
hanno profanato e demolito la dimora del tuo nome;
Is 64,10
8 pensavano: « Distruggiamoli tutti »;
hanno bruciato tutti i santuari di Dio nel paese.
9 Non vediamo più le nostre insegne,
non ci sono più profeti
e tra di noi nessuno sa fino a quando …
Sal 77,9
Lam 2,9
Ez 7,26
Sal 6,4
Sal 89,47
10 Fino a quando, o Dio, insulterà l'avversario,
il nemico continuerà a disprezzare il tuo nome?
11 Perché ritiri la tua mano
e trattieni in seno la destra?
Is 52,10
12 Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi,
ha operato la salvezza nella nostra terra.
13 Tu con potenza hai diviso il mare,
hai schiacciato la testa dei draghi sulle acque.
Gb 7,12+
Is 51,9-10
Sal 89,10-11
14 Al Leviatàn hai spezzato la testa,
lo hai dato in pasto ai mostri marini.
Gb 3,8+
15 Fonti e torrenti tu hai fatto scaturire,
hai inaridito fiumi perenni.
16 Tuo è il giorno e tua è la notte,
la luna e il sole tu li hai creati.
Gen 1
17 Tu hai fissato i confini della terra,
l'estate e l'inverno tu li hai ordinati.
18 Ricorda: il nemico ha insultato Dio,
un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
19 Non abbandonare alle fiere la vita di chi ti loda,
non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri.
20 Sii fedele alla tua alleanza;
gli angoli della terra sono covi di violenza.
21 L'umile non torni confuso,
l'afflitto e il povero lodino il tuo nome.
22 Sorgi, Dio, difendi la tua causa,
ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.
23 Non dimenticare lo strepito dei tuoi nemici;
il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.
Indice

Abbreviazioni
74,1 Lo sfondo di questa lamentazione collettiva è la distruzione del tempio di Gerusalemme ( avvenuta nel 587 a.C. ) e la tragedia dell'esilio.
Privata di ciò che più le stava a cuore ( il tempio, il sacerdozio, le feste,
la città santa ), umiliata dall'arroganza dei nemici e, soprattutto, colpita dal silenzio del suo Dio, la comunità eleva un'intensa preghiera perché siano rinnovati i prodigi dell'esodo ( vv. 12-17 ) e la sua sorte venga trasformata.
gregge del tuo pascolo: appellativo che designa il popolo d'Israele.
74 Secondo il Targum, lo « stolto » ( v 22 ) sarebbe Antioco Epifane, il « re folle », che bruciò le porte del tempio ( 1 Mac 4,38; 2 Mac 1,8 ) e profanò il santuario
( 1 Mac 1,21s.39; 2 Mac 6,5 ).
Ma il salmo può anche applicarsi al saccheggio del tempio da parte degli eserciti caldei ( 2 Re 25,9; Is 64,10 ).
Da quell'epoca, la voce dei profeti aveva taciuto ( v 9, cf. Sal 77,9; Lam 2,9; Ez 7,26 e 1 Mac 4,46; 1 Mac 9,27; 1 Mac 14,41 ).
74,4 come insegna: BJ traduce: « sul frontone dell'ingresso »; alla lettera « come all'ingresso, in alto » con versioni; il TM ha: « come colui che fa entrare ».
BJ aggiunge: « insegne che non si conoscevano », con i LXX;
il TM ha: « insegne, è conosciuto »; glossa probabile di 4b.
74,6 frantumavano le sue porte: con i LXX; il TM ha: « e ora le sue sculture ».
74,7 nome: indica Dio stesso.
74,8 Distruggiamoli: o « schiacciamoli », nînem secondo sir.:
il TM ha nînam, « la loro discendenza ».
74,9 Geremia aveva annunziato 70 anni di esilio ( Ger 25,11; Ger 29,10 ), cifra simbolica di una lunga durata.
74,11 trattieni: BJ congettura: « tieni nascosta »; alla lettera « essa è ritenuta », kelûjah; il TM ha: « ( e la tua destra nel tuo seno ) distruggi », kalleh.
74,13-14 Allusioni alla mitologia del Vicino Oriente antico, che vedeva in questi mostri ( draghi e Leviatàn ) delle forze ostili all'uomo e alla divinità.
74,14 Gli scrittori della Bibbia credevano in animali mitologici?
Allusione al passaggio del mare dei Giunchi e alla disfatta degli egiziani ( Es 14,15s; cf. Ez 29,3; Ez 32,4 );
- mostri marini, alla lettera « al popolo, alle bestie selvatiche ».
74,15 Allusione ai miracoli dell'esodo ( Es 17,1-7; Nm 20,2-13 ) e al passaggio del Giordano ( Gs 3 ), opere della potenza del creatore.
Questo richiamo delle opere passate di Dio ( vv 12-17 ) prepara lo scongiuro finale
( vv 18-23 ).
74,19 tortora: simbolo del popolo d'Israele.
di chi ti loda: i LXX e sir. hanno: « di chi ti ringrazia »; BJ ha: « della tua tortorella »; Osea paragonava Israele a una colomba ( Os 7,11; Os 11,11; cf. Ct 5,2 ).