Deuteronomio

Capitolo 6

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 Questi sono i comandi, le leggi e le norme che il Signore vostro Dio ha ordinato di insegnarvi, perché li mettiate in pratica nel paese in cui state per entrare per prenderne possesso;
2 perché tu tema il Signore tuo Dio osservando per tutti i giorni della tua vita, tu, il tuo figlio e il figlio del tuo figlio, tutte le sue leggi e tutti i suoi comandi che io ti dò e così sia lunga la tua vita.
Es 15,26
3 Ascolta, o Israele, e bada di metterli in pratica; perché tu sia felice e cresciate molto di numero nel paese dove scorre il latte e il miele, come il Signore, Dio dei tuoi padri, ti ha detto.
Lc 11,28
4 Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo.
Dt 4,25+
Dt 10,12
Mt 22,37p
5 Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze.
6 Questi precetti che oggi ti dò, ti stiano fissi nel cuore;
7 li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per la via, quando ti coricherai e quando ti alzerai.
Ger 31,33
Ger 11,18-21
8 Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi
Es 13,9.16
9 e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.
10 Quando il Signore tuo Dio ti avrà fatto entrare nel paese che ai tuoi padri Abramo, Isacco e Giacobbe aveva giurato di darti; quando ti avrà condotto alle città grandi e belle che tu non hai edificate,
Gs 24,13
11 alle case piene di ogni bene che tu non hai riempite, alle cisterne scavate ma non da te, alle vigne e agli oliveti che tu non hai piantati, quando avrai mangiato e ti sarai saziato,
12 guardati dal dimenticare il Signore, che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione servile.
Dt 8,10-18
Dt 32,13-18
Os 2,7-11
13 Temerai il Signore Dio tuo, lo servirai e giurerai per il suo nome.

Appello alla fedeltà

14 Non seguirete altri dèi, divinità dei popolo che vi staranno attorno,
Mt 4,10p
Es 23,32-33
15 perché il Signore tuo Dio che sta in mezzo a te, è un Dio geloso; l'ira del Signore tuo Dio si accenderebbe contro di te e ti distruggerebbe dalla terra.
Dt 4,24+
16 Non tenterete il Signore vostro Dio come lo tentaste a Massa.
Mt 4,7p
17 Osserverete diligentemente i comandi del Signore vostro Dio, le istruzioni e le leggi che vi ha date.
Es 17,1-7
Nm 20,2-13
18 Farai ciò che è giusto e buono agli occhi del Signore, perché tu sia felice ed entri in possesso della fertile terra che il Signore giurò ai tuoi padri di darti,
19 dopo che egli avrà scacciati tutti i tuoi nemici davanti a te, come il Signore ha promesso.
20 Quando in avvenire tuo figli ti domanderà: Che significano queste istruzioni, queste leggi e queste norme che il Signore nostro Dio vi ha date?
Es 12,26s
Es 13,8
21 tu risponderai a tuo figlio: Eravamo schiavi del faraone in Egitto e il Signore ci fece uscire dall'Egitto con mano potente.
22 Il Signore operò sotto i nostri occhi segni e prodigi grandi e terribili contro l'Egitto, contro il faraone e contro tutta la sua casa.
23 Ci fece uscire di là per condurci nel paese che aveva giurato ai nostri padri di darci.
24 Allora il Signore ci ordinò di mettere in pratica tutte queste leggi, temendo il Signore nostro Dio così da essere sempre felici ed essere conservati in vita, come appunto siamo oggi.
25 La giustizia consisterà per noi nel mettere in pratica tutti questi comandi, davanti al Signore Dio nostro, come ci ha ordinato.
Indice

6,1-19 Fedeltà all'alleanza nella terra promessa
6,2 perché tu tema il Signore: « temere Jahve » diventa un'espressione tipica della fedeltà all'alleanza.
Ormai il timore ( Es 20,20+ ) comporta simultaneamente un amore che corrisponde a quello di Dio ( Dt 4,37 ) e un'obbedienza assoluta a quanto Dio comanda
( Dt 6,2-5; Dt 10,12-15; cf. Gen 22,12 ).
Il contenuto religioso e morale di questo timore andrà sempre più affinandosi
( Gs 24,14; 1 Re 18,3.12; 2 Re 4,1; Pr 1,7+; Is 11,2; Ger 32,39; ecc. ).
6,4-9 Questi versetti, insieme con Dt 11,13-21 e Nm 15,37-41, formano lo Shemà, la preghiera che il pio Israelita recita al mattino e alla sera.
In essa si fa memoria dell'unicità di Dio e del rapporto d'amore che deve intercorrere tra ogni membro del popolo e Dio stesso.
Questo testo sarà citato da Gesù in occasione della domanda posta dallo scriba a proposito del primo di tutti i comandamenti ( Mc 12,28-30 ).
6,4 Altra traduzione proposta talvolta: « Ascolta, Israele: Jahve è il nostro Dio, Jahve solo ».
Tuttavia l'espressione sembra proprio un'affermazione di monoteismo.
Essa diventerà l'inizio della preghiera detta Shema ( « Ascolta » ), che resta una delle più care alla pietà giudaica.
- Lungo la storia di Israele questa fede in un Dio unico non ha cessato di svilupparsi, con crescente precisione, a partire dalla fede nell'elezione e nell'alleanza ( Gen 6,18; Gen 12,1+; Gen 15,1+; ecc. ).
L'esistenza di altri dèi non è stata mai affermata espressamente nei tempi antichi, ma l'affermazione del Dio vivente ( Dt 5,26+ ), unico signore del mondo come del suo popolo ( Es 3,14+; 1 Re 8,56-60; 1 Re 18,21; 2 Re 19,15-19; Sir 1,6-7;
Am 4,13; Am 5,8; Is 42,8+; Zc 14,9; Mi 1,11 ), ha comportato sempre più anche una negazione sistematica dei falsi dèi ( Sap 13,10+; Sap 14,13; Is 40,20+;
Is 41,21+ ).
6,5 L'amore di Dio non è proposto come una scelta, ma è un comando.
Questo amore, che corrisponde all'amore di Dio per il suo popolo ( Dt 4,37; Dt 7,8; Dt 10,15 ), include il timore di Dio, l'obbligo del suo servizio e l'osservanza dei suoi precetti ( qui v 13; Dt 10,12-13; Dt 11,1; cf. Dt 30,2 ).
Questo comando dell'amore non si incontra esplicitamente fuori del Dt, ma l'equivalente è offerto da 2 Re 23,25 e da Os 6,6.
Pur mancando il precetto, il sentimento dell'amore verso Dio caratterizza anche i libri profetici, soprattutto Osea e Geremia, e i salmi.
Gesù, richiamandosi a Dt 6,5, presenterà come il più grande comando l'amore di Dio ( Mt 22,37p ), un amore che si unisce al timore filiale, ma esclude quello servile
( 1 Gv 4,18 ).
6,8 Te li legherai alla mano: è ancora oggi diffusa tra gli Ebrei osservanti la consuetudine di appendere alla fronte e ai polsi strisce di pergamene, sulle quali sono scritte parole della legge.
6,20-25 Insegnamento familiare
6,20 Quando in avvenire tuo figlio ti domanderà: la domanda del figlio al padre è un modo per introdurre una catechesi familiare.