Lo Spirito Santo nella Morale

E 45

Amore del prossimo

Rif.


  Imitare la condotta divina
E 42
E 43
  nella condizione umana è praticare la carità fraterna, senza la quale non c'è amore di Dio.  
  Il secondo comandamento è simile al primo, segno del primo.  
  Fin dall'antica Legge, l'uomo era tenuto ad amare il suo prossimo, e da questo prossimo non era escluso di diritto lo straniero, anche se in realtà il nazionalismo degli Ebrei stentò ad accettarlo.  
  Con Cristo, l'unione indissolubile dei due comandamenti è realizzata perfettamente: nella sua morte, egli è tutto amore verso suo Padre e amore verso i suoi fratelli.  
  Il comandamento nuovo esige che noi siamo, seguendo lui, servi dei nostri fratelli, ritrovando nei più poveri la figura del Signore Gesù.  

Testi

Rilievi

Rif.


Lv 19,16-18
1 Ts 4,9-12
Gal 5,13-15
Rm 13,8-10
Mt 22,35-40
1 Gv 1,7
L'amore dei fratelli riassume, con l'amore di Dio, tutta la Legge e i profeti.  
Il N. T. non fa, all'inizio, che riprendere le conclusioni dell'A. T.
E 3

Col 3,14
La carità è il « nodo » della perfezione nel senso che compie tutta la Legge.  

1 Pt 4,7-11
Poiché compie la Legge, essa cancella i peccati.  

Dt 15,1-3
Lv 19,33-34
Pr 25,21-22
Rm 12,20
Mt 5,43-48
C'è un progresso nella rivelazione sull'amore dei nemici, prima ancora del comandamento definitivo di Cristo.  

Lc 10,25-37
La parabola del samaritano è la spiegazione della Legge.  

Mt 20,25-28
Gv 13,34-36
Gv 15,12-17
Ef 5,1-2
Fil 2,1-9
Col 3,13-14
Tuttavia, l'amore dei fratelli è un comandamento nuovo nel senso che il modello da imitare è il Servo sofferente,
B 24
Gesù crocifisso per amore dei suoi fratelli.  

1 Gv 3,16-19
1 Pt 1,22-23
Amatevi … come io vi ho amato: l'amore dei fratelli, testimonianza di una esperienza dell'amore di Dio per noi.
E 42

Gv 17,21-23
1 Gv 4,7-16
Ef 4,1-6
Di più, la carità fraterna deve essere immagine dell'amore trinitario.
A 2
E 42

Gal 5,22
Rm 5,5
Rm 15,30
Lo Spirito Santo, che abita in noi, è la sorgente dell'amore.
E 22

1 Cor 12-14
La carità fraterna costruisce il corpo di Cristo
C 25
C 26
e vale più dei carismi.
C 49

1 Cor 11,17-34
La carità ha origine dall'Eucaristia che fa il corpo di Cristo.
D 29

1 Gv 3,11-15
Gv 15,18-21
L'amore dei fratelli è un segno di contraddizione di fronte all'odio del mondo.
C 35

1 Gv 2,3-11
1 Gv 4,19-21
Gc 2,1-3.14-26
La carità è segno del nostro amore per il Padre, che senza l'« opera » dell'amore, sarebbe morto.  

Gal 5,13
Col 1,4
Mt 5,23-24
Mt 18,21-22
Rm 12,9-21
Rm 14,13-15
1 Cor 8,9-13
Concretamente, essa è partecipazione delle gioie e delle pene del prossimo; è perdono fraterno; volontà di non giudicare e di non scandalizzare; amore persino dei nemici.  

Mt 25,31-46
Bisogna dunque riconoscere e amare nel nostro fratello Cristo stesso.  

Es 20,13-17
Es 23,4-5
Dt 5,17-21
Is 1,17
Is 10,1-3
Is 58,6-7
Am 2,6
Os 4,1-2
Ez 18,12-13
Ez 22,7-12
Zc 7,9-10
In questa prospettiva ora il cristiano rilegge la Legge antica ( invettive dei profeti contro i ricchi e loro invito a una carità autentica ).  

Lc 12
Lc 14,12-14
Lc 16,19-31
Il soccorso ai poveri è una delle note importanti del vangelo sociale di Lc.
E 51

At 2,42-44
At 4,32-37
La comunità primitiva, tipo della carità fraterna.
C 20

Gal 3,28-29
Col 3,11
Fm 15-16
Conclusione: Non c'è più né giudeo, né schiavo, né libero, perché ormai tutti gli uomini sono fratelli in Gesù Cristo.  

Gv 13,33-34
Gal 6,10
Rm 12,12-13
1 Pt 4,7-8
Portata escatologica della carità: è l'occupazione normale di coloro che attendono il ritorno di Cristo.  

Indice