Le realtà umane

F 36

Lampada

Rif.


  Gli scavi in Palestina hanno riportato alla luce tipi di lampade estremamente vari.  
  Il modello più antico è costituito da una semplice conchiglia di argilla in cui si metteva dell'olio  
  Lo stoppino di lino o di canapa, o anche di giunco scortecciato, pescava nell'olio.  
  L'estremità dello stoppino era sostenuta da una smozzatura del bordo del recipiente.  
  Le lampade più « evolute » sono in metallo, con un coperchio aderente munito di due fori: uno per il riempimento della lampada e l'altro per lo stoppino.  
  La luce era un beneficio di Jahvè riservato ai buoni; la parola « lampada » viene sovente impiegata in senso figurato con rapporto all'insegnamento di Jahvè, al Messia o alla durata di una lunga discendenza.  

Testi

Rilievi

Rif.


Is 42,3
Is 43,17
Es 27,20-21
Es 25,37
Lv 24,2-4
1 Sam 3,3
1 Re 7,49
1 Cr 28,15
1 Mac 4,50
Zc 4,2
Sir 26,17
Ap 4,5
Questa fiamma vacillante e questo stoppino che si consuma sono indizi di una lampada molto antica.  
Nel Pentateuco, la tradizione sacerdotale fonde leggi che certamente risalgono a Mosè e prescrizioni che provengono dallo sviluppo del culto attraverso i secoli.  
È il caso delle lampade della tenda, probabilmente primitive, e del candelabro a sette braccia.  

2 Re 4,10
Mc 4,21
Mt 5,15
Lc 15,8
Sof 1,12
La lampada serviva a usi domestici.  
Ogni camera deve avere la sua lampada.  
Essendo molto bassa, si sarebbe potuto metterla sotto il letto, invece la si metteva sul candeliere.  
La lampada serve per esplorare gli angoli bui della camera; di qui il paragone di Sof.  

Lc 12,35-38
Mt 25,1-13
Pr 31,18
At 20,7.8
La lampada deve rimanere accesa tutta la notte affinché il padrone trovi luce a qualunque ora arrivi.
E 81
L'errore delle vergini stolte è di non avere previsto la lunghezza dell'attesa.  
La saggezza della donna perfetta sta nell'aver preparato con cura la sua lampada, alla sera, in maniera che non si spenga durante la notte.  

Gb 11,17
Gb 29,3
Sal 18,29
Gb 18,5-6
Gb 21,17
Pr 24,20
Pr 13,9
Pr 20,20
La luce è l'immagine della vita e il simbolo della felicità.  
Dio spegne la lampada dei cattivi, cioè li punisce per le loro colpe.  
Giobbe è in disaccordo con i suoi amici su questo punto, come su altri.  

Mt 6,22
Fil 2,15
La lampada è anche l'immagine della semplicità.
E 74

Ger 25,10
Ap 18,23
Lo spegnersi della lampada è simbolo di una punizione.
E 8

1 Gv 1,5
Gc 1,17
Pr 15,11
Pr 6,23
Pr 20,27
1 Cor 2,11
Sal 119,105
2 Pt 1,19
La parola di Jahvè e i suoi comandamenti sono una luce spirituale che aiuta l'uomo a dirigersi nella vita.  

Sal 132,17
Is 42,6
Is 49,6
Lc 2,32
Gv 8,12
Il Messia sarà una lampada per il popolo eletto e per le nazioni, nel senso che restituirà la luce della salvezza a coloro che erano nelle tenebre.  

Gv 5,35
Gv 1,6-8
Giovanni Battista è stato una lampada ( che si deve accendere dall'esterno ) e non una luce, che sarà Cristo.  

Ap 22,5
Ap 21,23
Solo Dio illuminerà la città celeste e l'Agnello sarà la sua lampada ( allusione all'antico candelabro del tempio ).  

2 Sam 7,11-16
2 Sam 21.17
1 Re 11,36
1 Re 15,4
2 Re 8,19
2 Sam 14,7
Natan ha promesso a Davide che la sua casa rimarrà per sempre.  
i suoi compagni di guerra vegliano perché non esponga la sua vita, né la sua discendenza, raffigurata dalla « sua lampada ».  

Gen 15,17
Gdc 7,16
Gdc 15,4-5
Gv 18,3
Nell'A. T. si parla sovente di torce e di fiaccole.  
Erano fatte con pezzi di legno imbevuti di olio o di pece e resistevano al vento più facilmente delle lampade.  

Gb 41,11
Is 62,1
Ez 1,13
Come per la lampada, la fiaccola sovente è simbolo di cose diverse.  

Indice